call us +393492726968

17 Ottobre I CASTAGNETI DI MATILDE DI CANOSSA

38,00

17 Ottobre: Partenza con Pullman GT da Rimini ore 06:30 – punti di raccolta a Cesena – Forlì – Faenza
Arrivo a Marola all’ interno del Parco Nazionale Tosco-Emiliano, visita guidata lungo in sentiero storico all’ interno di un castagneto secolare legato alla storia della contessa Matilde di Canossa. Visita di un antico Metato dove un tempo venivano essiccate le castagne per trasformarle in preziosa farina e raccolta delle castagne. Continuazione della visita guidata all’ Abbazia Matildica fondata dalla contessa Matilde di Canossa tra il 1076 e il 1092 che oggi rappresenta il simbolo del paese di Marola. Al termine della visita parteciperemo alla 57° edizione della Festa delle Castagne di Marola (in conformità alle nuove norme anti Covid-19 in vigore durante queste date) un importante evento autunnale che, ogni anno, si svolge a Marola. Ora territorio MAB UNESCO, riconosciuto per la sua biodiversità e per la particolare sostenibilità del castagno. La festa, attrae molti visitatori di ogni età, tra pittoreschi mercatini, buona cucina, prodotti tipici e di stagione e, naturalmente, tante saporite caldarroste cotte in un suggestivo paiolo di grandi dimensioni, posto al centro della piazza accompagnate all’immancabile vin brule’. Nel pomeriggio partenza per il rientro, arrivo a rimini nel tardo pomeriggio.

  Richiesta preventivo per Agenzia Richiedi informazioni
Category: .

Descrizione

LA QUOTA COMPRENDE
Pullman GT per tutta la durata del viaggio
Visita guidata del Castagneto, il Metato e l’ Abbazia Matildica
Raccolta delle Castagne
Assistente agenzia
Assicurazione medico-sanitaria

La QUOTA NON COMPRENDE
Pranzo, mance, extra di carattere generale
bevande ai pasti
assicurazione annullamento ( da effettuare tassativamente all’ atto dell’ iscrizione)
Tutto quanto non espressamente indicato alla voce ” La Quota comprende”

QUOTA DI ISCRIZIONE : €. 8,00 PER PERSONA

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “17 Ottobre I CASTAGNETI DI MATILDE DI CANOSSA”